Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Un progetto tecnologico-finanziario per dare una chance al Sud Italia e alle sue aziende

Sarò fissato con il crowdfunding ma considero i finanziamenti sul web una vera e propria chance per il Sud Italia. Ecco perché mi piacerebbe che le Regioni meridionali si attivassero sul tema: un progetto per gli spin off universitari come già detto in un altro post di Benvenuti al Sud ma non solo.

Il sogno (miraggio?) è una grande piattaforma di finanziamento web per le start up e, più in generale, per le aziende del Sud Italia. Sarebbe la fine del meridionalismo piagnone che chiede aiuto allo Stato.

Oltre alle idee bisognerebbe mettere in comune le risorse. Non gratis si intende ma remunerate: si chiama (scusate il troppo inglese) social lending ovvero il prestito tra privati. Niente di rivoluzionario e tutto regolato da Bankitalia. Funziona già e molto bene. C’è poi il microcredito benché da anni si aspettino i decreti attuativi della legge istitutiva.

Se le Regioni e i Comuni del Sud, superando campanilismi e ideologie, riuscissero a fare squadra avrebbero nella Rete un grande alleato: nel Mezzogiorno ci sono giovani, idee, voglia di fare. I finanziamenti, oltre al social lending,  potrebbe metterli l’Unione Europea che non credo si tirerebbe indietro davanti a un progetto tecnologico-finanziario di questo tipo, regolamentato e sorvegliato dalle authority italiane (Bankitalia e Consob in testa).

 

 

  • Francesca Bertu |

    Ha ragione. Le chance offerte dal crowdfunding sono infinite, ma purtroppo tutt’ora poco conosciute nonostante l’Italia sia tra i primi Paesi europei ad aver dato una regola. Tra le numerose piattaforme italiane la prima che mi viene in mente è Eppela, che potrebbe diventare un ponte per le start up del Sud Italia.

  Post Precedente
Post Successivo