Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

45 trilioni di euro per le energie rinnovabili: come farne arrivare un pezzetto al Sud

“Helsinki punta sulle rinnovabili”: è il titolo dell’articolo del collega Michele Pignatelli in pagina 20 del Sole24Ore. Ora uno può domandarsi che “c’azzecca” la Finlandia con il Sud Italia. Beh, in tema di rinnovabili c’azzecca eccome.

Si sa già che il Meridione, e in particolare la Puglia, sono in prima fila per l’energia solare. Ma nelle rinnovabili si può e si deve fare di più nel Sud Italia. Lo dicono i numeri della Iea, l’agenzia internazionale dell’energia che ha stimato in 45 trilioni di euro (45mila miliardi) gli investimenti per il raggiungimento dell’obiettivo di Cop21, il trattato di Parigi firmato a dicembre che punta a contenere il riscaldamento globale, già ratificato da Cina e Stati Uniti.

La stratosferica somma è stata ricordata nel discorso tenuto a Berlino il 22 settembre scorso da Mark Carney che oltre a essere il numero uno della Banca centrale d’Inghilterra è anche il presidente del Financial Stability Board. Il suo discorso lo potete recuperare qui ed è molto istruttivo per capire le potenzialità delle energie rinnovabili e gli investimenti che stanno arrivando nel settore. Ricordo pure che il gruppo Edison ha lanciato un’Opa su Alerion Clean Power “gruppo industriale elettrico quotato alla Borsa di Milano, specializzato nel settore della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili ed in particolare nel settore eolico”. Le energie rinnovabili sono il volano dell’economia e della ripresa come ha detto appunto Carney.

Ora è possibile che il Mezzogiorno possa giocare un ruolo chiave in questo ambito? E non solo con il solare ma anche è soprattutto con l’energia geotermica di cui il Sud è ricco. Qualcosa si muove però come potete legge in quest’altro articolo grazie al gruppo Magaldi di Salerno e all’azienda lombarda dell’energia A2A che sta investendo in Sicilia in collaborazione appunto con la Magaldi. La sfida è lanciata, tocca al Mezzogiorno afferrare una quota di quei 45 trilioni di euro di investimento.