Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Le Fs hanno emesso un green bond. Perché non ci pensa anche la Circumvesuviana?

Sarà una fissazione. Eppure secondo me la finanza sostenibile potrebbe venire in aiuto delle linee ferroviarie locali italiane e in particolare di quelle del Sud Italia. Dall’ultimo dossier di Legambiente, emerge che la gloriosa linea Circumvesuviana è la seconda peggiore d’Italia dopo la Roma-Lido.

Gloriosa perché entrata in esercizio il 22 novembre 1884 “ferrovia a scartamento ridotto 0,950 con trazione a vapore Napoli-Nola”: è quanto si legge nel sito di Eavsrl, la società che gestisce la Circum e il cui socio unico è la Regione Campania.

Ora ci sarebbero tanti modi per trovare capitali così da rilanciare la Circum, che tocca tutta la provincia di Napoli e che ogni giorno carica migliaia di pendolari, studenti e turisti (tra le stazioni vi sono per esempio Pompei ed Ercolano).

Si può prendere esempio dalle Ferrovie Nord (Fnm) lombarde quotate in Borsa e di cui la Regione Lombardia conserva la maggioranza. O ancor meglio, Eavsrl potrebbe emettere un green bond come hanno fatto di recente le Ferrovie dello Stato. In tutto il mondo gli investitori istituzionali sono a caccia di questo asset finanziario. La Cina ne ha emessi e ne sta emettendo tantissimi per dotarsi di ottime infrastrutture ferroviarie (oltre che per dotarsi di impianti di energie rinnovabili). Le tratte locali, in particolare, evitano ai pendolari di prendere le auto e ciò consente un abbattimento dei gas serra.

Ci sono le condizioni economiche e infrastrutturali per lanciare un green bond da parte di Eavsrl. Anche le competenze in tema di green bond sono diffuse tra gli istituti finanziari. Perché non pensarci seriamente? E il green bond non escluderebbe una quotazione in Piazza Affari. Per la Circum sarebbe una grande opportunità.

Image result for eavsrl