Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Da Acerra (Napoli) la startup Evja che controlla le colture: due big stranieri entrati nel capitale

Il bello di questo blog è che mi consente di conoscere aziende e storie del Mezzogiorno segnalate anche da amici e colleghi. E’ il caso di Evja, startup di Acerra, in provincia di Napoli: i suoi fondatori hanno  progettato Opi, un sistema di supporto decisionale per aziende agricole; grazie ai sensori installati in campo, l’agricoltore può controllare in tempo reale e ovunque si trovi tutti valori strategici delle colture, come temperatura, umidità, radiazione solare e bagnatura della foglia.

Ora mi si può far notare che di start up è piena l’Italia. Vero. Al netto delle oggettive difficoltà del Mezzogiorno, qui c’è però una notizia che mi è stata segnalata dai colleghi di Radio24 (grazie Mauro Del Corno). Nella trasmissione Focus Economia, Sebastiano Barisoni ha intervistato Davide Parisi, uno dei fondatori di Evja (qui il podcast della trasmissione): la notizia è che nel capitale della start up di Acerra sono entrati due colossi del mercato agricolo, la tedesca BayWa e l’austriaca RWA, entrambe leader nel settore delle forniture agricole, con un fatturato totale di circa 20 miliardi di euro.

“Già nel 2016 RWA aveva scelto Evja come una delle 4 migliori startup agrifood del mondo – ci ricorda un lancio dell’agenzia Ansa del 15 gennaio scorso -. Con l’ingresso delle due società nella compagine azionaria, si apre un nuovo capitolo per la startup italiana, che potrà usufruire dello know-how e dei canali globali delle due multinazionali. Evja è attiva sul mercato da soli 4 mesi, ma e’ gia’ stata inserita da Startup Italia nella lista delle 100 migliori startup del 2017, unica esponente del settore Smart Agriculture”.

Che dire: in bocca al lupo a Evja e ai giovani di Acerra.

Image result for acerra