Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Campania, Terra dei fuochi, rifiuti pericolosi: a quando una strategia di bonifica e rilancio?

Vigili del fuoco a Casal di Principe in uno dei punti dove erano stati rinvenuti fusti contenenti rifiuti tossici (Ansa)

 

L’inchiesta di Fanpage.it sugli sversamenti illegali di rifiuti pericolosi, al netto delle polemiche sull’agente provocatore, ha dimostrato che in Campania la questione è ancora aperta e grave. E’ dunque arrivato il momento di affrontare in modo deciso e senza sconti la questione ambientale. Siamo in piena campagna elettorale e, tranne qualche eccezione, in pochi hanno parlato di tali temi come sottolineato questa settimana da illustri editorialisti (Stella sul Corriere per esempio).

Ma l’emergenza è in Campania: c’è la Terra dei fuochi ma c’è un intero territorio devastato dai rifiuti della camorra. Può finalmente essere messa in atto una strategia di più ampio respiro? Non è sufficiente la bonifica perché, come si è visto, i camorristi continuano a sversare rifiuti. Né si può vigilare per sempre con esercito e carabinieri. Da questo blog abbiamo provato a lanciare una proposta più ampia: bonifica, istituto di ricerca per malattie oncologiche dei bambini, zona tax free per aziende del settore farmacologico e biotech. Il tutto finanziato da un green bond.

Perché continuo a battere su questo strumento? I green bond sono obbligazioni i cui proventi devono essere destinati in via esclusiva a finanziare o rifinanziare (in parte o per intero) nuovi o già esistenti progetti a tutela dell’ambiente. Questo è un punto fondamentale: il vincolo all’utilizzo è previsto dai Green Bond Principles, standard internazionali che bisogna rispettare per attirare gli investitori istituzionali (fondi pensione, fondazioni, fondi comuni, assicurazioni). In caso contrario un’obbligazione verde non troverebbe sottoscrittori sul mercato. Si stima in mille miliardi di dollari le emissioni di green bond per il 2020. Tali strumenti finanziari fra l’altro sono considerati un elemento chiave nella strategia mondiale per il contenimento del riscaldamento del pianeta. Per chi vuole altre informazioni sui green bond, la bibbia del settore è il sito di Climate bond initiatives. La speranza è che i politici e gli amministratori locali si informino su questi argomenti. E finalmente battano un colpo.