Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il Sud al comando nell’energia eolica: Sicilia prima, seguita da Puglia e Campania

Finalmente una classifica dove le regioni del Sud sono in cima e non in fondo alla graduatori. A quanto pare la produzione mondiale dell'energia del vento  ha raggiunto a giugno i 215.000 MW. Secondo la World Wind Energy Association dopo Cina, Usa, Germania, Spagna e India (che rappresentano il 74% della produzione mondiale) al sesto posto c'è l'Italia, con una capacità installata nel 2011 pari a 460 MW che ha contribuito a superare i 6.000 MW.

Ed ecco la sorpresa: la regione con la massima potenza installata di eolico è la Sicilia, con
1.449 Mw e 1.245 aerogeneratori. Dopo i siciliani c'è la Puglia (1.291 Mw) e poi la Campania (915 Mw). E ancora:, Calabria (770 Mw), Sardegna (673 Mw), Molise (372 Mw), Basilicata (279 Mw) e Abruzzo (225 Mw). Viva il vento.

 

  • Roberto Giacon |

    La ragione: in Sicilia c’è la risorsa vento più che in altre zone d’Italia; anche in Calabria, in Puglia e al sud d’Italia in genere. Il vento come occasione di impresa anche al Sud; e impresa moderna, innovativa, verde; per esperienza, se il tessuto socio-economico fosse migliore, lo sviluppo della green energy al Sud sarebbe più intenso e maggiormente equilibrato, senza casi di infiltrazione mafiosa, di piccola speculazione privata, di opacità amministrativa; senza i casi di leggi regionali scandalose, come in Puglia, che costringono il paesaggio ad arrendersi davanti alle speculazioni fotovoltaiche, in barba alle altre regioni, più osservanti della normativa nazionale. Chissà se tale sviluppo economico contribuirà al progresso sociale in genere o se produrrà ricchezza (e non progresso) per i soliti noti.

  Post Precedente
Post Successivo