Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mare, energie rinnovabili e i progetti degli atenei calabresi e campani

Tre progetti per trasformare il mare in un grande produttore di energia. Due sono stati elaborati da altrettanti atenei meridionali: Università della Calabria e Federico II di Napoli (il terzo è del Politecnico di Torino).

Del tema se n'è  parlato nel corso di un seminario  organizzato da Rse (Ricerca sul Sistema Energetico), la società (il cui socio unico è il Gestore dei Servizi Energetici) che negli ultimi anni ha realizzato una mappatura della disponibilità di energia dalle correnti marine. In particolare si è parlato appunto dei tre progetti prossimi alla fase operativa. Quelli dell'Università della Calabria e del Politecnico di Torino  riguardano la trasformazione delle onde in energia elettrica
(nel porto turistico di Formia ed a Pantelleria) attraverso due diverse soluzioni di cilindri dotati di particolari pale.

Il terzo progetto, quello napoletano, prevede l'utilizzo della corrente marina nello Stretto di Messina, l'unico luogo in Italia dove si sviluppano intensità sufficienti sfruttabili. Che dire: basta poco per trasformare le tante idee degli atenei meridionali in progetti dal grande valore economico.