Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Due pizzaioli napoletani insegnano il mestiere ai rifugiati politici iracheni

Due pizzaioli napoletani, i fratelli Lieto, hanno deciso di insegnare il loro mestiere ai rifugiati politici iracheni. Accade a Matera dove i due napoletani si sono trasferiti da tempo.  Ad imparare la tecnica della pizza napoletana sono Al Ali Samir Mahmoud e Abo Alhaija Asaad Ahed, rispettivamente 38 e 35 anni, giunti in Italia con lo status di rifugiati grazie ad una convenzione tra il Governo Italiano e UNHCR, Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

"Scaduto il sussidio dello Stato Italiano previsto per i primi due anni, – affermano Samir e Asaad – abbiamo deciso di imparare un'attività dopo aver fatto in questi anni vari lavori saltuari. Il pizzaiolo o l'aiuto pizzaiolo è una professionalità molto ricercata. Così anche su consiglio di un nostro amico marocchino Mohamed che ha frequentato la stessa scuola dei Fratelli Lieto e che ora lavora a Milano, abbiamo deciso di formarci in questo settore".

I fratelli Lieto  oltre ai segreti della professione, hanno insegnato ai due iracheni le norme igienico-sanitarie per la gestione di una pizzeria epersino le basi della lingua inglese che chi opera in città turistiche deve conoscere. Se non è integrazione questa!