Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Fondi pensione: care regioni del Sud copiate il Trentino/2, appello agli assessori regionali al Lavoro

Torno sul tema della previdenza complementare per i giovani del Sud Italia. Ieri la relazione Covip (authority della previdenza) è stata illuminante sui dati degli iscritti e sulla loro posizione geografica. Ne riparlo perché sui social network sono stati coinvolto in una interessante discussione da Maurizio Agazzi e Walter Anedda rispettivamente direttore generale del fondo pensione Cometa (il più grande per patrimonio in Italia) ed ex presidente della cassa di previdenza dei commercialisti.

Agazzi spiegava con i 140 caratteri di Twitter che il caso Trentino (Pensplan) è unico e non replicabile; inoltre il dg di Cometa (che è anche neopresidente del Forum per la finanza sostenibile) spinge su un fondo nazionale e non regionale. Anedda, anche lui su Twitter, era d’accordo invece sul confronto fra regioni del Sud per un fondo pensione pluriregionale sull’esempio trentino e aostano.

Fra l’altro credo che i grandi fondi pensione negoziali italiani possano mettere a disposizione il loro know how. E c’è anche un’associazione come Assofondipensione (www.assofondipensione.it) che può dare una mano. Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano le regioni meridionali e in particolare gli assessori regionali con la delega al Lavoro. Ecco la lista: Giuseppe Bruno (Sicilia), Virginia Mura (Sardegna), Severino Nappi (Campania), Leo Caroli (Puglia), Raffaele Liberali (Basilicata), Michele Petraroia (Molise), Nazzareno Salerno (Calabria). Aspettiamo una loro risposta. #Sipuòfare?