Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Alessandro Benetton (21 Investimenti) punta sui vini del Sud con Farnese group

”Fa parte della cultura di 21 Investimenti affiancare imprenditori meritevoli che sanno incarnare un sogno di sviluppo con una gestione più manageriale. Di Farnese group mi è piaciuta la passione per il prodotto, e la particolarità dei territori di produzione che hanno un alto potenziale. L’azionariato di 21 Investimenti sarà molto attivo nel portare nuova linfa per lo sviluppo, una discontinuità per crescere. Ma è il progetto ad avermi convinto fin dal principio insieme a due produttori, Sciotti e Baccalaro, di alta qualità. Io non sono un grande esperto di vini  ma da quando conosco questa realtà ho imparato a distinguere il buono dal cattivo. E adesso siamo in pista insieme”. A parlare è Alessandro Benetton: attraverso la società 21 Investimenti, nel febbraio 2013 è entrato come nuovo socio (60%) di Farnese group, azienda nata in Abruzzo nel 1994 e oggi attiva in cinque tra le regioni più vocate alla viticoltura nel Mezzogiorno: è in Abruzzo con i marchi Fantini e Caldora; in Basilicata con Vigneti del Vulture; in Campania con Vesevo; in Puglia con Vigneti del Salento; in Sicilia con Vigneti Zabù e Cantine Cellaro.  Farnese produce 16 milioni di bottiglie, per il 90% esportate in 78 Paesi, per un fatturato di quasi 50 milioni di euro, con una crescita dei volumi che, negli ultimi due anni ha raggiunto percentuali nell’ordine del +50%.