Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il microcredito e le attività avviate in provincia di Ragusa (con l’aiuto di due vescovi)

Due diocesi (Ragusa e Noto), la camera di commercio di Ragusa e la locale Banca agricola. Tutti insieme per lanciare nella provincia ragusana la seconda iniziativa di microcredito. Diciassette le attività avviate grazie a questo bando aperto a metà settembre 2014. Inoltre altre 10 imprese sono in fase di avvio, mentre si stanno definendo contatti con altri due istituti di credito.

Solo due le condizioni per richiedere i finanziamenti: età compresa tra i 18 ed i 35 anni (ma il limite cade per chi ha perso il lavoro) e non essere titolari di partita Iva. Due bandi pubblici emessi fino ad oggi, e comitato di valutazione composto da sette persone due per ciascuna diocesi, due per la Camera di commercio ed una per il soggetto gestore, che è la Pastorale sociale del lavoro.

Il fondo di garanzia arriva a 525 mila euro: l’ex Provincia di Ragusa ha stanziato 125.000 euro. I prestiti complessivi possono arrivare a quasi a 1,6 milioni di euro. Collaborano anche l’Ordine professionale dei dottori commercialisti, Cna, Confcooperative, Confcommercio Pmi Ragusa e molti professionisti. Nel bando, all’articolo 6 (importo) si legge: “L’operazione di microcredito potrà ammontare da un minimo di € 3.000,00 fino ad un massimo di € 20.000,00 per ciascuna istanza, anche se avanzata da più richiedenti intenzionati a costituire un’impresa in forma societaria”.

Speriamo che altre diocesi e camere di commercio del Mezzogiorno, imitino l’iniziativa di Ragusa.