Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sardegna prima in banda ultralarga: avviati lavori per 324 comuni (costo 56 milioni)

I sardi giocano d’anticipo nella partita per la banda ultra larga. I primi interventi sono già stati avviati nell’ambito di un piano, che si basa sull’intervento pubblico diretto, e ha un costo di 56 milioni. Saranno interessati 324 comuni per un totale di mezzo milione di cittadini e quasi 300mila unità immobiliari, si legge sull’agenzia di stampa Radiocor. Tutti potranno usufruire di una velocità di connessione pari a 30 megabit. “Il piano – ha spiegato il sottosegretario Antonello Giacomelli – prevede la conclusione dei lavori a marzo-aprile del 2017”.
Anche altre sette regioni sono partite o stanno partendo in questi giorni con piani per la banda ultra larga: si tratta di Abruzzo, Calabria, Marche, Lazio, Puglia, Lombardia, Toscana per un totale di 700 comuni. In Sardegna, secondo i dati dell’ultima consultazione pubblica, compreso l’intervento da 56 milioni di euro, al 2018 la copertura con reti a banda ultra larga sara’ dell’87% (50% investimenti privati e 37% con soldi pubblici).  Il fabbisogno totale in Sardegna per il raggiungimento degli obiettivi 2020 previsti dalla Ue è pari a 279 milioni di euro. Le risorse disponibili a livello regionale (fondi FESR/FEASR) sono pari a 95 milioni di euro. Sono dunque necessarie risorse aggiuntive dello Stato stimate in 184 milioni di euro.